Risotto radicchio e salsiccia

INGREDIENTI: (x 4 persone):                                                  Tempo: 30 min  orologio

160g di riso crudo (vialone nano)                                         Difficoltà: facile cappello chef

1l brodo di carne/verdure                                                        kcal:   636,3  

1/2 cipolla

30/40g vino bianco

30g olio EVO

200g salsiccia

2 cespo di radicchio rosso di treviso

40 g di burro

40g grana padano

sale qb (quanto basta)

CURIOSITA’:

Il risotto al radicchio e salsiccia appartiene al ricettario regionale e alla grande famiglia dei risotti classici!

Il risotto è un primo piatto tipico della cucina italiana, diffuso in numerose versioni in tutto il paese anche se più consumato al nord. La sua caratteristica principale è il mantenimento dell’amido che gelatinizzatosi a causa della cottura, lega i chicchi tra loro in un composto di tipo cremoso, grazie al processo di mantecatura, dove il risotto pronto viene tolto dalla fiamma, e in seguito aggiunto burro e grana, e mescolando in modo circolare si fa sciogliere il burro e il grana.

Per preparare un buon risotto viene consigliato l’uso del vialone nano, una varietà di riso che viene coltivato nel veronese, è un riso semifino.

Per questo piatto viene utilizzato principalmente il Radicchio Rosso di Treviso tardivo, che si presenta con foglie lunghe e affusolate, il radicchio ha la punta delle foglie di rosso, invece il resto della pianta è bianco, grazie alla fase di imbiancamento, questa tipologia di radicchio è un IGP (Indicazione Geografica Protetta).

 PREPARAZIONE:

  1. Come prima fase si fanno saltare in una padella con un po’ di olio e cipolla tritata il radicchio, in seguito si aggiunge la salsiccia precedentemente sbriciccia.
  2. In una casseruola far appassire la cipolla con l’olio, in seguito aggiugere il riso e farlo tostare.
  3. Sfumare il riso con con il vino, e procedere aggiungendo un po’ alla volta del brodo per far cuocere il riso.
  4.  Verso fine cottura aggiungere il radicchio e la salsiccia.
  5. A fine cottura togliere il riso dal fuoco e aggiungere il grana e il burro e mantecare mescolando in modo circolare (all’onda) finché non il burro e il grana non si incorporano bene.

BUON APPETITO!

Calcolo Calorico

Costo piatto

Risotto-con-radicchio-e-salsiccia

immagine :http://www.leitv.it/cambio-cuoco/ricette/risotto-con-radicchio-e-salsiccia-la-ricetta-facile/

Timis Robert Daniel

  1. Che bella ricetta e presentazione!!!avete un’idea per un risotto primaverile?

  2. Volevo chiedere a Daniel quali possono essere i vantaggi dietetici nel preferire un risotto ad un piatto di pasta,

    • Il riso é solitamente consigliato a persone che devono dimagrire, perché é un alimento più dietetico.
      Ha un notevole contenuto di fibra, sali minerali e vitamine.
      É più digerbile rispetto alla pasta, peró é anche più povero di potassio rispetto alla essa.
      Un’altro punto a favore del riso é che esso é privo di glutine, quindi lo possono assumere tranquillamente anche le persone affette da celiachia.

  3. 1)Tostatura del riso: cosa accade tecnicamente al riso con questo procedimento? Spiega brevemente cosa si dovrebbe fare per ottenere una buona tostatura e mantecatura del riso.

    2)Quante tipologie di radicchio si coltivano in Veneto ? Descrivi inoltre i loro impieghi in cucina.

  4. 1)La tostatura del riso é un processo fondamentale, infatti la rosolatura del riso fa si che gli amidi sulla superfice del chicco creando così una guaina che inpedisce al chicco di sfarinare durante la cottura.
    Per una buona tostatura é necessario mettere il riso in una casseruola di alluminio abbastanza grande, e mescolare in continuazione con un mestolo di legno per 2/3 minuti finché il riso diventerà trasparente con alcuni parti più scure.

    Per una buona mantecatura dopo che il riso é pronto, spegnere il fuoco, aggiungere burro e grana per poi muovere la casseruola regolarmente avanti e indietro formando così un’onda.
    Mescolare finché il grana e il burro non si saranno completamente sciolti.

    2)In veneto prendono origine le più importanti varietà di radicchio tra le quali; il Radicchio rosso di Treviso IGP conosciuto ed esportato in tutto il mondo per le sue cartteristiche uniche, in cucina viene usato in tutte le portate, partendo dall’antipasto al dolce.
    Radicchio variegato di Castelfranco IGP, questo radicchio viene utilizzato principalmente nelle insalate.
    Radicchio rosso di Chioggia, anch’esso viene principalemente utilizzato crudo, ma viene utilizzato anche da cotto in alcune ricette.
    Radicchio di Verona IGP, questo radicchio può essere usato in qualsiasi piatto, partendo dall’antipasto al dolce, ed é possibile utilizzarlo da crudo o da cotto.

    Siti dei consorzi dei produttori

    http://www.radicchiodiverona.it/
    http://www.radicchioditreviso.it/it/homepage/
    http://www.radicchiodichioggiaigp.it/it/

Lascia un commento

Nome *
Email *
Sito web